ecommerce

eCommerce: gli errori più comuni quando lo si apre

Gli errori che gli imprenditori commettono quando aprono un eCommerce sono diversi e molti di essi sono evitabili. Spesso vengono commessi per superficialità e negligenza, per mancanza di esperienza e per il desiderio di essere attivi al più presto, tralasciando i dettagli. Avere un eCommerce caratterizzato da errori significa perdere possibilità di vendita, ridurre il fatturato e non crescere come azienda.

Gli errori più comuni legati all’apertura di un eCommerce

Sono diversi gli errori legati al mondo dell’eCommerce. Possiamo suddividerli in due grandi macroaree.

Strategia e marketing per l’eCommerce

  • Mentalità: il primo errore sta nella mentalità, troppo spesso superficiale e esemplificativa. Non da manager di successo insomma. Pensare “apro l’eCommerce tanto poi i clienti arriveranno” è il modo migliore per partire col piede sbagliato. La mentalità deve presupporre una costruzione tecnica del portale e parallelamente un lancio promozionale. Internet ha oltre 4,5 miliardi di pagine, come puoi pensare che la gente arrivi proprio alla tua? Il successo, come in tutte le cose, difficilmente arriva per caso, ma va costruito e mantenuto.
  • Sminuire i social: chi pensa di vendere online senza avere l’interazione con il pubblico, avrà un percorso molto più irto e difficile. Un profilo social va curato e sviluppato facendo in modo che possa fare da cassa di risonanza al sito di eCommerce. Inoltre l’interazione con la clientela è determinante. Per questo, dai modo di pubblicare delle recensioni e mostra interesse verso l’opinione del cliente, anche se negativa. Gli utenti leggono molto le recensioni di chi è già cliente e se tu non le hai rischi di perdere delle opportunità di vendita. Grazie ai social, ad esempio, puoi migliorare la percentuale di conversione clienti.
  • Non pensare ad una strategia: anche l’eCommerce merita una strategia, ma molti imprenditori commettono l’errore di non definirla. Non basta proporre un prodotto, ma è importante offrirlo in maniera completa e mirata. La strategia SEO è importante anche per l’ottimizzazione di un sito eCommerce. L’individuazione delle parole chiave giuste può essere la leva per poter farti trovare dal pubblico e per poter vendere di più. Lo stesso vale per la formattazione del testo, per la presenza di fotografie esplicative e per una meta description del prodotto in vendita.
  • Agire con incostanza: spesso si pensa che la promozione, una volta che il sito è a regime, vada interrotta. Nulla appare più sbagliato. Un cliente va conquistato e mantenuto. Inoltre un sito di eCommerce va aggiornato, alimentato in continuazione con l’inserimento di prodotti. Le azioni di marketing sono importanti in ciascuna fase e la promozione deve essere costante. Ci si impiega poco tempo a scendere di livello e ridurre il fatturato: agire con incostanza a livello marketing è un errore da non commettere per alcun motivo.

Brand reputation

  • Mancanza di identità: questo è un altro errore molto comune che un imprenditore fa quando apre un sito di commercio elettronico. Devi farti riconoscere e chi viene ad acquistare da te molto probabilmente non vede la tua azienda come unica fornitrice di prodotto. Se non hai un logo, un brand che ti contraddistingue, rischierai di passare nell’anonimato e i tuoi concorrenti avranno la meglio. Crea quindi un logo, un colore, un simbolo, in modo che il cliente possa identificarti meglio e ricordarsi di te.
  • Considerare solo la parte di eCommerce: la tendenza di molti imprenditori è quella di considerare unicamente la sezione di eCommerce, trascurando il resto del sito. Se ti immetti nel mercato elettronico la gente vuole sapere chi sei, cosa fai, come lavori, cosa proponi e come contattarti in caso di informazioni e di richiesta assistenza. Il tuo sito sarà materiale di consultazione da parte degli utenti, i quali prima di acquistare transiteranno dalle tue pagine web per conoscerti. Avere una sezione “Chi siamo” povera o del tutto assente, non giova certo a tuo vantaggio, così come anche avere un sito mal costruito e non aggiornato. Devi invece cercare di essere chiaro nei contenuti, dare dei riferimenti, una collocazione alla tua azienda, un modo per contattarti e raccontare la tua storia.
  • Grafica approssimativa: l’aspetto grafico riveste grande importanza non solo perché attira l’attenzione, ma rende unica l’esperienza di acquisto del consumatore. Quando ricevi un ospite a casa tua fai in modo che trovi un ambiente pulito e ordinato, per farlo sentire a proprio agio. Con l’eCommerce vale la stessa cosa. Grafica, font, colori, navigabilità: tutto deve essere fluido e ben organizzato per mettere a suo agio il cliente. Se trova un bell’ambiente sicuramente ritornerà. Spesso questo aspetto viene trascurato.

In conclusione

Essere “multitasking”, ossia fare più cose contemporaneamente non ha mai giovato e non ha mai pagato in ambito imprenditoriale. Al contrario, spesso ha creato solo danni, problemi, tensioni. E’ possibile che un meccanico, seppur abilissimo, possa riparare contemporaneamente 5-6 vetture? Lo stesso vale per la tua azienda.

Non intraprendere direttamente più percorsi nello stesso tempo. Non sei invincibile e non sei dotato di superpoteri. Se sei solo, segui bene poche linee.

Non farti attrarre dalla possibilità di avere una fantastica applicazione per il tuo sito, di inserire altri cento prodotti, di volere un sistema di magazzino rivoluzionario e ultra moderno. Non sarai in grado di seguire con attenzione in maniera efficiente tutto. Affidati piuttosto ad altre persone che operando in team sono in grado di seguire con esperienza le diverse cose, oppure, se tutto è sulle tue spalle, opera una scelta per priorità.

Solo pianificando, programmando e seguendo il percorso passo dopo passo riuscirai ad avere un eCommerce di successo riconosciuto ed efficiente!