L’importanza delle automazioni nell’email marketing

Ne riceviamo a centinaia e continueremo a riceverne nella nostra casella di posta elettronica fintanto che utilizziamo servizi streaming o eCommerce. Parliamo di eMail di marketing automatiche e di come funzionano all’interno di una strategia di comunicazione.

L’eMail Marketing Automation

Di newsletter sono piene le caselle di tutto il mondo. Alcune però sono eMail più sofisticate di altre, perché vengono inviate a utenti target che hanno compiuto specifiche azioni. Questo è, in termini pratici, il principio secondo cui si muove l’automazione nell’eMail marketing. L’efficacia di questo sistema si spiega facilmente con le numerose possibilità di personalizzazione delle comunicazioni. Queste infatti sono su misura dell’utente a seconda dei dati ricavati su di lui/lei – età, genere, area geografica, precedenti acquisti, abbandono del carrello su eShop.

Grazie a queste informazioni, con un software per eMail automation, si inviano messaggi personalizzati. Da una comunicazione one-to-many si passa alla comunicazione one-to-one con un approcciocustomer-centric, in cui l’utente è al centro della comunicazione, ritagliata appositamente su di lui/lei.

Regole di automazione predefinite

Le automazioni semplificano e sveltiscono le attività di eMail marketing: una volta impostate le regole dell’automazione, il sistema lavora in autonomia. Immaginiamo di dare il benvenuto ad un nuovo utente appena registrato al nostro sito: il software di automazione invierà l’eMail con il nome della persona, insieme a contenuti che potrebbero interessargli/le maggiormente, prendendo in considerazione tutti quei dati presenti nel database come l’età e il genere.

Quindi, tutte queste comunicazioni arrivano agli utenti sulla base di regole predefinite. Si può impostare qualunque automatismo, purché si abbia a disposizione un database ricco di informazioni aggiornate. Il giorno del compleanno, ad esempio, è un giorno buono per inviare coupon promozionali o semplicemente gli auguri, seguiti da blog post con utili suggerimenti per acquisti nello store online

L’effetto positivo per il business si riscontra nel maggior tasso di apertura delle eMail e nel tasso di conversione più alto. Qualunque business, anche di piccole dimensioni, può gestire molteplici campagne grazie agli automatismi, dedicando tempo e risorse alla programmazione delle comunicazioni marketing.

Il Workflow: cos’è?

Il workflow o flusso automatico è una sequenza di processi che determina l’esecuzione di un invio automatico per la campagna. Ogni workflow è così composto: il messaggio che sarà inviato, i tempi che scandiscono un invio del successivo, le condizioni che innescano l’invio di un preciso messaggio. Un esempio di workflow lineare sono le drip campaign, dove si inviano messaggi a cadenza predefinita al compimento di un’azione.

Facciamo un esempio: un utente si iscrive alla newsletter e riceve l’eMail di benvenuto immediatamente. Due giorni dopo riceverà la seconda comunicazione con contenuti di approfondimento. Passata una settimana, riceverà altri contenuti e la richiesta di compiere un’azione, come lasciare un feedback o acquistare. Il layout può essere lo stesso per tutte le comunicazioni, ciò che cambia è il contenuto: elementi grafici e copy saranno differenti tra il primo e l’ultimo messaggio.

Conclusione

Con l’aiuto delle eMail automatiche e con una corretta programmazione è possibile raggiungere il contatto giusto nel momento giusto, grazie a promozioni e iniziative mirate scelte appositamente per lui/lei. L’investimento è ampiamente ripagato dalle capacità di fidelizzare clienti e convincerli a non abbandonare il prodotto/servizio dell’azienda, in quanto mediamente un nuovo cliente costa 5 volte la spesa per fidelizzarne uno già acquisito. Sono decine i servizi tra cui scegliere per automatizzare l’email marketing, ma eccone alcuni: MailUp, Mailchimp, Automizy, Sendinblue

0 Condivisioni